Gattomerlino Spazio–Borgo Vittorio 95 –Roma

Gattomerlino Spazio è stato aperto nel quartiere Borgo nell’ottobre 2016. Si tratta di uno spazio privato, una “stanza separata” della casa, aperta per incontri di letteratura, arte, scienza. Qui si presentano le nuove uscite di Gattomerlino edizioni, ma– sempre e solo a titolo gratuito– s’invitano anche studiosi, artisti, scrittori stranieri e altri editori. Come Gattomerlino edizioni anche lo Spazio prende il nome da Merlino, un gatto di casa, compagno ispiratore e fedele per lunghi diciotto anni.

Sulle pareti sono in mostra permanente(quando non vengono rimossi per dare spazio ad altre opere) acquerelli su carta di riso di Piera Mattei, che dirige anche le edizioni Gattomerlino e l’attività dello Spazio. [Uno degli acquarelli di Piera Mattei è qui utilizzato come “copertina” e immagine in evidenza di questo articolo]

La strada: Borgo Vittorio è una strada che prende il nome non da Vittorio Emanuele II, come il corso che da Piazza Argentina arriva al ponte omonimo, e immette nel rione Borgo che si stende davanti al Colle Vaticano. L’urbanistica di Borgo infatti è di molto precedente agli sfondamenti del periodo sabaudo e si riferisce non a un Vittorio ma alla Vittoria di Lepanto(1571). Il progetto urbanistico di tre strade parallele aveva preso il suo avvio nel 1565, sotto il pontificato di Pio IV, dal quale prendono il nome le altre due strade, che si chiamano appunto Borgo Pio e Borgo S. Angelo (dal nome di battesimo, Giovanni Angelo Medici di Marignano, di Pio IV).

Oggi il rione Borgo è molto votato al turismo religioso, ma su Borgo Vittorio resistono ancora alcune botteghe artigiane, un doratore, due fratelli fabbri, un sarto, un corniciaio, e si aprono alcune piccole gallerie d’arte e appunto Gattomerlino Spazio.

Gattomerlino Spazio vuole connettere la vita di Borgo con una realtà culturale nazionale e internazionale.

Qui sono stati presentati da ottobre 2016 ad aprile 2018 dodici delle ultime pubblicazioni nelle diverse collane delle edizioni Gattomerlino

e sono stati invitati anche Autori stranieri tradotti e pubblicati nelle stesse edizioni come

Juris Kronbergs poeta lettone, tradotto in molte lingue,

Marja Stepanova, poeta russa molto apprezzata in patria.

L’illustre sociologo Franco Ferrarotti ha presentato qui le sue poesie

Tra i presentatori degli incontri, psicologi, sociologi, docenti universitari, critici letterari tra i quali figurano i nomi di Valerio Magrelli, di Silvio Perrella, di Elio Pecora.  Quest’ultimo ci ha inoltre deliziato con le sue filologiche e nondimeno appassionate interpretazioni di canzoni classiche napoletane.

Gli scienziati Andrej Varlamov, Alexej Kavokin, Claudio Marcelli, Gianpiero Ravagnan, Andrea Giansanti, Antonio Bianconi hanno dibattuto varie tematiche scientifiche e anche letterarie.

Tra i musicisti si sono esibiti tra gli altri Simone Pelosi (piano), Sergio Saracino (chitarra), Andrea Pennacchi (fisarmonica), Emanuela Bruzzone (chitarra)

Dal 14 ottobre al 7 novembre 2017 Gattomerlino Spazio ha ospitato in un Festival dell’Immagine e otto diversi autori che si sono succeduti con le loro opere e le loro istallazioni

Ha inoltre ospitato un editore franco-canadese, un editore-artigiano napoletano di particolare eleganza, Il filo di Partenope, e artiste-artigiane che fabbricano i loro pregiati libri a cominciare dalla carta e li stampano a caratteri mobili (Emma Mandelli e BetterPress Lab di Roma)

Gattomerlino edizioni è filiazione della Superstripes-onlus, che si dedica al rapporto tra arte e scienza e alla ricerca scientifica

Le foto sono  tratte dalla rivista on-line Lucreziana 2008, sulla quale è possibile leggere brevi cronache degli incontri

gattomerlino.it

Youtube superstripes/gattomerlino

PIERA MATTEI (scrittrice, traduttrice, co-responsabile edizioni Gattomerlino)

3 aprile 2018