Con grande piacere ospitiamo un nuovo articolo riguardante ALTRADIMORA, la residenza per donne creative (e uomini speciali) fondata da Monica Lanfranco nella provincia di Alessandria. Alla fine troverete il link per il primo articolo riguardante ALTRADIMORA, che scrissi sull’onda dell’entusiasmo dopo un mio breve soggiorno lì. (T.C.)

Altradimora: arrivare a 10 anni non è poco

di Monica Lanfranco www.monicalanfranco.it

Altradimora compie 10 anni: il progetto prende il via nel 2008, quando trovai questo posto, e lo elessi a luogo dove provare a realizzare il sogno privato e politico che avevo, come femminista e attivista: una grande casa con spazi interni ed esterni capaci di accogliere e ospitare tante persone, dove poter pensare, ragionare, imparare, insegnare, divertirsi, dormire e mangiare insieme, dove fare politica femminista.

Dal primo incontro, che fu nel 2009 grazie all’intuizione di Erminia Emprin alla quale si deve il tema d’esordio Il corpo indocile-autodeterminazione nel dare la vita e nel fine vita ogni anno almeno un seminario di tre giorni, e altri momenti di approfondimento, hanno visto crescere e allargare la partecipazione, creando una abitudine: anche se non si partecipa è noto che ogni anno si sarebbero svolti ad Altradimora uno o due momenti seminariali collettivi.

Chi non poteva partecipare da allora sa che le facilitazioni sarebbero state disponibili su www.radiodelledonne.org e che spesso anche la rivista Marea www.mareaonline.it avrebbe pubblicato un numero con al centro i temi proposti.

Dal 2015 è attiva anche la proposta di Altradimora aperta, con la quale, grazie al prezioso libro di Tiziana Colusso sulle Writer’s Houses, il progetto è citato tra le strutture che ospitano scrittori e scrittrici.

In questa scadenza, a dieci anni dall’ideazione di Altradimora, l’esigenza è quella di dare una struttura formale al progetto, anche in previsione di poter accedere a fondi e finanziamenti pubblici e privati: fin qui l’assenza di una veste formale era stata supplita da Marea, che è associazione culturale, ma ora è urgente che anche Altradimora abbia una sua collocazione specifica e autonoma, se si vuole pensare di poter accedere anche a finanziamenti pubblici e privati. Altradimora diventerà quindi una associazione culturale senza scopo di lucro.

Nel 2018 oltre e accanto ai due appuntamenti seminariali di giugno e settembre, ogni mese vorrei creare occasioni d’incontro, e per questo c’é bisogno di un contributo di creatività collettiva.

Che si tratti di un incontro di un giorno o di una settimana l’importante è che chi ha progetti pensi a questo luogo come anche suo: una dimora dove far vivere il bisogno di realizzare progetti, incontri, e anche feste e vacanze.

Quindi forza: fate proposte, condividete idee da realizzare, osate immaginare progetti e tenete conto che da marzo a dicembre 2018 Altradimora è aperta alle vostre visioni, anche con il progetto dedicato di Altradimora aperta per cultura. Troveremo insieme la possibilità di metterle in pratica.

Intanto ecco i due primi progetti per maggio e giugno:

 19 maggio 2018

1979/2009: Processo per stupro/Il corpo delle donne

Quando vedere è potere

Incontro/laboratorio con Loredana Rotondo e Lorella Zanardo

(una giornata con possibilità di soggiorno)

22, 23, 24 Giugno,2018

Di chi é il mio corpo?

Salute, medicina, benessere, cura tra autodeterminazione, diritti e doveri

Seminario collettivo (dal venerdì alla domenica con possibilità di soggiorno)

—–

ED ECCO QUI SOTTO L’ARTICOLO PRECEDENTE SU ALTRADIMORA:

www.atlanteresidenzecreative.org/altradimora